« Crisis ? What crisis ? Vivendi: ricavi +7% , EBITA +10% | Principale | Dobbiamo essere orgoglioni »

16/11/2010

Commenti

DB

Invitato, ma impossibilitato a partecipare, ringrazio per il resoconto
P.S: sessioni a tempo? eh no eh ;-)

Marco

E' molto buono per gli operatori tornare alle tariffe a volume. Avranno solo maggiori problemi a farlo capire agli utenti, soprattutto quelli che si intendono davvero poco di computer. Per le offerte always on mi sembra una cosa positiva, non tanto per la possibilità di navigare senza limiti quanto per evitare bollette stratosferiche. Sono curioso di vedere come saranno le tariffe in base alla velocità, spero solo che le velocità siano davvero superiori e che non sia solo un modo per guadagnare di più.

francesco

Sono contento se il trend va verso il ritorno delle tariffe a volume, tecnicamente le tariffe a tempo nel mobile sono proprio un assurdità.
Non credo affatto che il mercato in Italia sia tale da non consentire le tariffe a volume, serve solo un po' di trasparenza, a quel punto i clienti (che non sono scemi come si vuol far credere) capisce e si comporta di conseguenza.

Stefano Quintarelli

Più che velocità sono i tassi di overbooking la cosa importante. Ci sono 3 fattori: il volume fornito, il tasso di overbooking, la velocità di aggancio. Per me quello, dei tre, è il parametro relativamente meno rilevante, dato il mezzo di accesso condiviso.

La cosa positiva è che questa è lazienda che annunciava tariffe differenziate per youtube, myspace e facebook rispetto al resto di internet. Oggi questo pericolo non cè. Hanno altri driver di differenziazione di prezzo e spero che non gli torni in mente di far pagare prezzi diversi per traffici diversi...

Stefano Quintarelli

Forse ricorderai che avevo fatto un poll sulla cosa... Sono daccordo con te. Solo che per me e te, sono principi e non rischiamo. Per loro sono quattrini ! (e ci vanno naturalmente cauti)

C.la

Proprio di recente hanno deciso di raddoppiare le tariffe (dimezzando il traffico disponibile), ma solo per i nuovi clienti:
http://telefonino.net/Vodafone/Notizie/n25356/Vodafone-nuove-soglie-Mobile-Internet-attivazioni.html

quindi in realtà non cambia nulla a breve sulla rete, chi divorava banda lo continuerà a fare.


Vodafone agli albori delle tariffe a tempo (c'era ancora il gprs, l'umts c'era solo in alcuni capoluoghi di provincia) migrò tutti i clienti (quelli senza promozioni dati) alla tariffa a tempo, così per inviare un sms (2-3KB, 1 o 2 centesimi di traffico a consumo) si pagava un euro in cambio di 5 o 15 minuti di navigazione.. Anche le tariffe dati a volume erano nettamente superiori alla concorrenza (3 e wind in particolare, ma anche di tim).

Forse allora, con le velocità del gprs, le tariffe dati a tempo monetizzavano bene.. ;)

Stefano Quintarelli

si, ma non sono troppi. il tema e' che gli utenti dati pesanti cresceranno di ordini di grandezza e lo schema precedente li avrebbe danneggiati. cosi' rispristinano la correlazione tra costi e ricavi.

sulle tariffe a tempo hai ragione io ne scrissi qui su Nova:
http://blog.quintarelli.it/quintanews/2006/09/20060831_il_sol.html

ex-xxcz

Stefano, io capisco e apprezzo la tua analisi, ma mi sembra che Vodafone continui a sottovalutare il traffico dati business. Al di là dei già costosi abbonamenti per BlackBerry e iPad, faccio spendere alla mia azienda 50 Euro più IVA al mese (in realtà meno grazie ad accordi aziendali, ma il prezzo di listino è quello) per l'offerta "Unlimited", che in realtà ha un limite di 1 GB al giorno. Quantità ampia, vero, ma dipende dal lavoro: così ho scoperto sulla mia pelle che in realtà dopo un paio di settimane, se si superano 10GB totali, il traffico viene limitato alla velocità IMPOSSIBILE PER LAVORARE di 64kbps. Ma come, sottoscrivo la tariffa più costosa, ho bisogno di non avere preoccupazioni (e 1GB è una soglia accettabile) e poi vengo bloccato in una situazione critica? OK, sono disposto a pagare ancora di più. Quanto, per avere una connessione business veramente flat o che, quantomeno, mantenga ciò che è stato venduto (leggi: un traffico senza preoccupazioni fino a 1GB al giorno)?

Gianmauro

Questa modalità è attiva su Vodafone Spagna già dall'anno scorso

"A partir de 1 GB consumido la velocidad baja a 128 Kbps"
http://www.vodafone.es/particulares/servicios/modem_usb_pack_prepago/

Stefano Quintarelli

@ex-xxcz: la tariffa che tu citi non piace nemmeno a me. Il fatto di eliminare le tariffe "unlimited" limitate va proprio nella direzione di queste nuove offeret. Ma temo tu abbia delle aspettative troppo elevate... Un tanto al chilo, i numeri che tu indichi stanno sotto l'1% degli utenti. Fai un conto degli investimenti fatti da operatori mobili in italia e sono circa 3Bn/anno (un po' dipiu') per i passati 16 anni. circa 50Bn. aggiungi il costo delle frequenze. Metti complessivamente 40.000 celle e sono 1,2M/cella. il dato di contemporaneità varia, ma puoi prendere circa 20 persone. Fatti due conti e vedi che una cosa come quella che dici tu ti dovrebbe costare >250 Euro/mese.

@Gianmauro: il primo operatore a fare pacchetti di dati e, ad esaurimento, throttling, da quanto mi risulta e' stato Yoigo in spagna a inizio anno scorso. Il fatto di poter reiniziare il periodo mensile ad esaurimento e' stato introdotto piu' di recente. Da quanto so l'offerta di VF che tu citi e' diversa. Compri un monte di trafico che puoi usare in tre mesi, ma se mangi troppo (vai oltre la soglia dii fair usage policy) ti throttlano (come altri operatori anche in italia).
In queste cio' non avviene. Se prendi 3GB li puoi usare anche tutti in un giorno, non vieni throttlato. solo che poi o ne compri un altro pack o vai a 64K.
Ma questo e' solo un elemento e certamente non il piu' paradigmaticamente innovativo, IMHO (c'era gia' Yoigo, seppure solo con contratti e non con prepagate).
La cosa piu' rilevante e' la segmentazione dei clienti (che essi stessi si fanno, ex ante) sulla base di tassi di overbooking diversi.
Questa e' la cosa che puo' tagliare la testa al toro ai discorsi sulla net neutrality su rete wireless. No tariffe differenziate o prestazioni differenziate per questo o quel servizio, ma overbooking diversi ed e' l'utente che sceglie.

ex-xxcz

Va bene, che facciano un'offerta da 250 Euro al mese, poi ogni Manager deciderà che fare...

Stefano Quintarelli

Di fatto con queste lo puoi fare. Compri quella che per Gigabyte ha il prezzo più basso e quando lo finisci riprendi un altro pack.

Se hai consumi ingenti che ti fanno esuarire il pack di volume prima delka scadenza temporale, è una offerta a volume. È come il latte. Compri mezzo o un litro e hai una scadenza. Ne bevi meno ? Alla fine lo butti. Lo finisci prima ? Ne compri unaltra ocnfezione

La linea dell'inutile (Mauro)

no il volume no per favore (e non sono un divoratore)

e' una regressione di "civilta'" informatica, sbaviamo tutti per la fibra ovunque e poi stiamo a parlare di tariffe a volume ? smettiamola di pensare come esperti di settore...

l'impatto sulle abitudini al consumo e' troppo alto, meglio essere chiari e limitare alcuni protocolli

l'importante e' che siano chiare le condizioni

alexiaco

non sarebbe la pietra tombale definitiva per dei servizi come netlix o Hulu anche in Italia?

Bubbo Bubboni

Mi pare interessante notare come qualche commento, anche relativo agli altri post sul tema, prescinda dal merito. Cioè basta dire "flat", "a volume", "a tempo", ecc. e partono le osservazioni e il raccorto di esperienze e bollette.

Mi ricorda quando tanti scrivevano che l'avvento del GPRS avrebbe avviato una nuova era nelle TLC perché si pagava a volume e non a tempo. Poi si è capito *quanto* si pagava, oltre che come, e l'avvento della nuova era venne rimandato alla prossima tecnologia.

Eppure continuo a pensare che usare le leve del marketing in modo ottuso dia solo una gloria estemporanea. Poi per avere SIA una speranza di remunerazione degli investimenti CHE un mercato di utenti paganti servono i dettagli tariffari.

Stefano Quintarelli

@Mauro: fibra sul fisso unlimited e wireless in mobilità z volume. Col wireless non si può fare unlimited. questione di fisica...

Stefano Quintarelli

@alexiaco: il target di quei servizi é la rete fissa. Nel wireless semplicemente la fisica non lo consente. Lo spettro e Shannon sono quello che sono...

Marco

Mauro anche youtube consuma un botto se usato tanto... ;-)

alessandro

sono pienamente d'accordo. a suo tempo la tariffazione a volume non piaceva a nessuno perché offriva volumi troppo bassi, anche per un uso normale (e perché se sforavi, semplicemente, addebitavano).

@ex-xxcz. Spero di non trovare troppa gente come te nella mia cella.

www.google.com/accounts/o8/id?id=AItOawmqvOjzhNb0EddheSIE46zOYyHs9Lp5xHM

Trovo interessante questa strategia di captatio benevolentiae dei blogger da parte di Vodafone: un sostanziale raddoppio delle tariffe dati si è trasformato in una grande opportunità per i clienti stessi?

stefano quintarelli

raddoppio delle tariffe dati? io non ho parlato di euro

io parlo sempre di struttura dell'offerta. se poi sarà 1, 10 o 100 euro posso avere una opinione sui prezzi e comprare per me di conseguenza

non ho mai parlato di prezzi degli abhonamenti in 5 anni di blog...

dal punto di vista dell'industria, invece, scrivo chiaramente da anni che i prezzi sono destinati ad aumentare o il servizio a degradare, ma è la matematica, io non c'entro..

Luca Battanta

Ciao Stefano,è un articolo decisamente interessante.
Anche a me ,come ad altri, 64kbps mi sembrano un po' bassi,io ne avrei dati almeno 128 se non 256.
I 64 offerti sono troppo limitanti.
Altra cosa:le tariffe dati a tempo con scatti anticipati da 15 minuti che applica vodafone(ma non solo) non mi sembrano positive per i clienti...perchè non si può andare verso una tariffazione al secondo come avviene già per le tariffe voce?
Trovo che dire che dichiarare che nel 2010 la velocità media per cliente sia tra i 2mbit/s e i 4 ,mi sembra sia un po' un eufemismo.
Per quanto ho avuto di vedere per esperienza diretta la velocità media si attesta poco sopra il megabit,quando la situazione migliora(ovvero quando la rete è scarica di traffico, si superano abbondantemente i 3 mega).
Mi interesserebbe invece saperne di più sui tre livelli di overbooking.

Stefano Quintarelli

@Luca: ribadisco, È come il latte. Compri mezzo o un litro e hai una scadenza. Ne bevi meno ? Alla fine lo butti. Lo finisci prima ? Ne compri unaltra ocnfezione. hai sete e non vuoi comprarti un'altra confezione ?bevi l'acqua. non e' cosi' nutriente ma non muori di sete...

il "secondo" non e' un driver di costo. il "secondo" non ha un costo. Cio' che costa e' il volume.

I dati sono medi sulle 24 ore e sull'italia, cmq. la tecnologia aumenta la banda disponibile nel tempo.

La linea dell'inutile (Mauro)

@alexiaco:
Hulu sul mobile ? e pensi che a volume ti lascino (Shannon permettendo) vedere tutte le serie che vuoi ? che non ti "ammazzino" con la tariffa a volume ?

@Stefano:
lo so che fibra sul fisso e banda illimitata ... ma continuiamo a discutere tra operatori del settore, a me pare meno "debilitante" avere chiari i protocolli "vietati" sul mobile ... provate a chiedere a parenti/amici non del settore cosa pensano

@Marco:
appunto :-)

Net Flier

La storia del latte non funziona..se siamo in quattro con abbonamento "premium" su una stessa cella, chi vince? tutti andiamo piano o tutti vanno veloce? ovviamente, non la seconda.

se invece devo comprare il latte, esco, vado al negozio e lo prendo..al 99% c'è..se non c'è, mi sposto al negozio successivo.

per navigare, non posso spostarmi (capisco che sia mobile, ma c'è un limite a tutto).

la solita truffa del "non c'è spazio per tutti, allora tutti paghino quello che noi millantiamo di avere"

I commenti per questa nota sono chiusi.