« comScore Releases European Engagement and Top Web Properties Rankings for March 2011 - comScore, Inc | Principale | Agenda digitale »

05/05/2011

Commenti

Guglielmo Troiano

Se per caso l'inziativa di cui si parla è questa http://www.lamiaimpresaonline.it/chisiamo è vera e attiva (la stanno presentando adesso http://twitter.com/#!/googlepolicyit/status/66063397736808448)

Mauro Lupi

A me sembra un'iniziativa meritoria. Ok, non basterà da sola a creare aziende del tutto consapevoli del valore della Rete e magari, qualuno utilizzerà male questa opportunità
Ma è una spallata che può aiutare davvero

Andrea Dolci

Credo che tutte queste iniziative non affrontino il problema alla radice.
Andare in rete tanto per esserci ha poco senso. O le aziende hanno un motivo valido e vanno online per fare piu' business, altrimenti e' come essere su facebook.
Mi vengono in mente tutti i furgoncini di artigiani sulle cui fiancate campeggiano a caratteri cubitali siti internet in cui al massimo si trova un'indirizzo, un numero di telefono e un indirizzo email a cui non risponde mai nessuno.

wally

Beh, se l'iniziativa è quella indicata da Guglielmo Troiano, non è poi proprio vero che è gratuita. E' una promozione:
"Alla fine del primo anno di prova gratuito, non c'è nessun obbligo di rinnovo. Tuttavia, per chi deciderà di continuare ad usufruire dei nostri servizi, il costo del dominio, del servizio di hosting e della piattaforma per la gestione del sito ammonterà a 229€ all'anno. Per l'e-commerce, alla fine dei primi 3 mesi di attivazione gratuiti, il costo sarà di 67,5€ a trimestre."

C.la

@Andrea:
concordo, ho dovuto fare acquisti significativi e nella scelat finale ha pesato non poco la possibilità di consultare facilmente il catalogo prodotti online di un'azienda.
Alcune aziende con prodotti validi le ho scartate per le scarse informazioni e la difficile consultazione del sito web aziendale.

Se come penso molti altri fanno come me allora ci sarà più incentivo per le imprese a spendere 5000 euro per un sito fatto bene.

Il target delle associate assoprovider non è chi vuole un sitarello dove mettere indirizzo geografico, il telefono e un'email (per quello anche paginegialle fornisce la stessa cosa), ma le aziende con siti esaustivi.

I commenti per questa nota sono chiusi.