« Dopo radioparolaccia, il chatbot parolaccia di Microsoft | Principale | Google’s bus crash is changing the conversation around self-driving cars | The Verge »

25/03/2016

Commenti

Gianni

E' colpa dello stato. Ricordo che già dal 1989 il contratto standard per uno sviluppatore di software era valorizzato 1.200.000 netti all'anno. Subito dopo arrivarono i contratti CO.CO.CO e fu anche peggio, tolsero loro pure la possibilità di usufruire di un welfare.
Io personalmente è 30 anni che cerco di accedere ad un mutuo e mi viene sempre negato...
E' tutto ridocolo considerato che un programmatore, ogni 4 anni, deve imparare nuove nozioni o smette di lavorare. A differneza di tanti impiegati con semplice diploma, soprattuatto statali, che hanno smesso di prendere in mano i libri da trent'anni, fanno la stessa identica cosa da allora e prendono in proporzione di gran lunga di più senza sbattersi più di tanto.

mORA
A differneza di tanti impiegati con semplice diploma, soprattuatto statali, che hanno smesso di prendere in mano i libri da trent'anni, fanno la stessa identica cosa da allora e prendono in proporzione di gran lunga di più senza sbattersi più di tanto.

Signora mia, una volta qui era tutto Telnet...

Gianni

Non parlavo di statali che fanno gli informatici, parlavo di statali in generale. Giusto per fare un altro esempio, un operatore ecologico che lavora in flessibilità, con patente C, arriva a prendere anche 1500 euro netti al mese.
Bisogna essere bravi a guidare i bestioni, è vero, ma non sei sempre a leggere per imparare cose nuove...
Il mestiere dello sviluppatore lo fai se ti piace, non certo per i soldi. Il mio primo contratto CO.CO.CO, traslato ad un contratto dipendente mi fruttava l'equivalente di uno stipendio netto pari a 600 euro al mese, e senza welfare, tutti ti credevano disoccupato, soprattutto la banca e nei lavori ti chiedevano pure la precisione, la serietà. Scusa ma da allora a oggi ho assistito solo a un mucchio di prese per il culo. Non ho mai visto impegni datore-lavoratore bilanciati, sempre tutti favorevoli al datore.
Quando ho un colloquio e uno mi chiede: sai il php? sai questo? Capisco immediatamente che cercano un manovale. Perchè se uno cerca un informatico, dovrebbe sapere che questo fa l'analisi del problema e ti scrive il condice pure in Lisp, se serve. Figuriamo quando poi vengo a sapere che fanno fare lavori pure a studenti del politecnico o della statale, ho subito il quandro completo del datore di lavoroo che ho davanti

Gianni

... in genere sono io che faccio il colloquio al datore di lavoro, non viceversa.

Gianni

Non replichi? Oh povero cucciolo! Sicuramente ti stai godento le vacanze pasquali... meritatamente meritate ...e a carico dall'azienda... che caro...
11000 su 45228 fa 24% Non ti dice nulla? Quello è l'INPS ed il tfr che le aziende evadono e caricano sul "lavoratore". Essendo valori medi europei non combaciano alla perfezione, l'inps è al 27%, ma è quello, sicuro. Gli informatici sono tutti a contratto.

I commenti per questa nota sono chiusi.